Mese: luglio 2014

Menù per bimbi

E´ da molto che non aggiorno questo spazio. La sera arrivo così stanco che non riesco a far nulla. Una questione di abitudine forse. Il lavoro mi sta prosciugando, mi succhia via tutte le energie. Prima o poi migliorerà. Intanto ho raccolto un sacco di pensieri e cose che vorrei scrivere.

Per esempio…

Mi sono accorto che c’è un grande vuoto di informazioni riguardanti l’alimentazione dei bambini di un anno/due. Ci sono pochissime ricette e sembra che la gente si affidi a queste marche di omogeneizzati o pappine e quasi se ne lavi le mani. A pranzo una porzione di cibo precotto, la sera latte e biscotti e a nanna! Noi invece ci scervelliamo per capire cosa cucinare, farti variare quanto più spesso possibile gli alimenti. Capita quindi che la gente ti veda mangiare la pizza e dovresti vedere che facce! Ovviamente, e lo specifico per non sembrare quel padre scellerato che da in mano al proprio bimbo un panino del Mc Donald’s, mangiamo la pizza una volta ogni tanto, e per te faccio preparare la special, cioè una focaccia senza nulla. O a volte con della mozzarella e del pomodorino. O il bordo di un calzone mozzarella e prosciutto.

Stiamo cercando tra mille resistenze, di ridurre l’alimento che tu preferisci in assoluto. Il latte materno. Quindici mesi e non sentirli, eh? Ti attacchi quando hai bisogno di conforto, e spesso la notte verso le tre. Per il resto ammetto che è stato fatto tanto. La dipendenza resta.

Mangi cinque volte al giorno. Abbiamo seguito molto poco le specifiche del pediatra. Anche perché quelle schede preimpostate non è che diano molte indicazioni. Alimenti di stagione, uovo dopo i nove mesi, qualche pesce, la carne bianca, poi la carne rossa. Ok, ok. Abbiamo rispettato le tempistiche perché temevamo qualcosa potesse farti male. Cinque volte al giorno:

Colazione: mangi quello che mangiamo noi. Latte e biscotti, qualche cereale tostato, pane e marmellata, i pavesini. Non hai mai voluto bere il latte in polvere, nemmeno quello per la crescita. Così ti diamo il latte fresco intero. Ogni tanto una spolverata di orzo bimbo. La colazione non è di sicuro il pasto che preferisci.

Merenda a metà mattina/metà pomeriggio: prima mangiavi molta più frutta, per la merenda era l’ideale. Ora che possiamo darti gli yogurt è un po’ più semplice e sbrigativo. Banana a fettine e crema di latte. Fruttolo a volontà, soprattutto frutta mista. Il tuo preferito! Abbiamo provato a darti pure qualche merendina tipo fetta al latte, per i bimbi, e l’hai mangiata, ma è un casino tenerti buono, te la spappoli tra le mani. Più complicata e forse più adatta a quando sarai più grandetto. Ok, ok, non dovrei dirlo, ma ami i Kinder Pinguì.

Pranzo/Cena: questi sono i pasti più complicati in assoluto. Cerchiamo di variarli in continuazione. Mangi tanta pastina, ovviamente la tua preferita è la PFP: pastina, formaggino, parmigiano (che deve essere Grana Padano, il Reggiano proprio non lo sopporti). Poi c’è la 3P: pastina, pomodoro fresco, parmigiano. E la variante della domenica, cioè la 4P: pastina, pomodoro, parmigiano e polpettine (le polpettine sono fatte con mollica di pane, uova fresche delle galline della nonna, carne di vitello, parmigiano). Spesso e volentieri uniamo la pastina a degli omogeneizzati fatti in casa. Omogeneizziamo:

 

  • il pollo, cucinato a cottura lenta per una buona mezz’ora, con delle carote e le patate;
  • zucchine verdi, patate e pochissima cipolla;
  • legumi (soprattutto lenticchie), cucinati sempre con un po’ di patate e carote;
  • carne di vitello o di maiale (per lo scopo ottima la testa di filetto, non provateci invece con il filetto, noi abbiamo fuso l’omogenizzatore).

Spesso inseriamo le patate perché, anche se ne mettiamo una fettina, l’omogeneizzato viene più morbido e vellutato. In inverno usiamo molto anche la zucca. Di solito la pastina preferiamo dartela a pranzo, mentre a cena optiamo per una vellutata di verdure. Un’ottima alternativa alla classica patata bollita è il purè con un formaggino e una fettina di prosciutto magro. Sicuramente la mia ricetta preferita.

Per quel che riguarda bibite non ami quelle gasate, che inconsciamente ti abbiamo fatto assaggiare (Orange Soda, o aranciata, mai coca cola o simili). Non ami nemmeno i dolci, tranne qualche brioscina quando andiamo a fare la spesa, non mangi quasi mai dolciumi. Ogni tanto una leccata ad un gelato, gusto panna o fiordilatte (snobbi gli altri gusti).

Insomma è un casino, un lavoraccio che però sta dando i suoi frutti. Per adesso siamo molto soddisfatti. Mangi quasi tutto, e sei aperto ai nuovi gusti. Sei sempre lì che assaggi cose nuove e non ti tiri mai indietro davanti alla forchetta. C’è solo una cosa che proprio non ti piace, e in questo somigli molto a tuo padre. Il pesce. Un giorno lo apprezzerai, ne sono certo. Per adesso proprio non vuoi saperne! E non vedo l’ora di farti assaggiare la birra…ah si, quello sarà un gran giorno!